Ultimo video della cantante dei Mienmiuaif sul libro “Il mistero della donna” di Jo Croissant!

(In attesa dell’evento di giovedì 14 a Vicenza con Costanza Miriano che presenterà questo libro insieme ad Anita!!! Ore 20.30 nella Sala Accademica del Seminario Vescovile di Vicenza, in via Borgo Santa Lucia 43, entrata da Viale Rodolfi 2)

Ogni donna, in quanto battezzata, è chiamata a vivere il sacerdozio non esercitando il ministero presbiterale riservato ai sacerdoti ma offrendo tutta se stessa a Dio. Si tratta di indirizzare la straordinaria capacità femminile di amare, di dare la vita, di resistere al dolore e accogliere la sofferenza degli altri per portare tutta l’umanità verso Dio, come un nuovo parto. Un’immagine di cosa sia il sacerdozio del cuore ce la dà Maria, la Madonna. Lei, ritta ai piedi della croce, quasi in una posizione sacerdotale, unisce il suo cuore trafitto a quello di Gesù e partecipa in modo mistico al sacrificio del Figlio. Se la donna riscoprirà la sua identità e missione così da mettersi al servizio di Dio sarà più felice, e lo sarà con l’uomo, non contro l’uomo.

Anita

(A questo link trovate la playlist con tutti i video su “Il mistero della donna” di Jo Croissant: https://bit.ly/2ZCofHk)

Ecco il video #5 della nuova serie ispirata al libro “Il mistero della donna” di Jo Croissant!

Ogni donna può essere sposa, al di là della sua vocazione, quando decide di amare, senza aspettare che gli altri la amino. Quando, risoluta nell’andare a Dio per riceverne l’amore, esce da se stessa e dona amore agli altri.
Così ho cercato di riportarvi alcuni concetti di questa sezione del libro intitolata “SPOSA”. Vi abbraccio!

Anita

(A questo link trovate la playlist con tutti i video su “Il mistero della donna” di Jo Croissant: https://bit.ly/2ZCofHk)

Ecco il video #4 della nuova serie ispirata al libro “Il mistero della donna” di Jo Croissant!

Lo sguardo degli altri e il nostro sguardo su noi stessi non sono la verità su di noi. Spesso sono gabbie che non permettono di fare scelte veramente libere. Ma possiamo essere liberati e capire chi veramente siamo stando sotto lo sguardo di Dio, Lui che ci è Padre, ci ama e vuole per noi la felicità piena.

Così ho cercato di riportarvi il capitolo “Figlia di Dio” del libro “Il Mistero della donna” di Jo Croissant. Spero vi possa fare bene, a me ne ha fatto molto!

Vi abbraccio,

Anita

 

Trovate gli altri 3 video su “Il mistero della donna” a questi link:

#1 – Le donne soffrono

#2 – Oltre il femminismo c’è di più

#3 – Donna, con o contro l’uomo

di Giuseppe Signorin, curatore della collana UOMOVIVO e pseudo chitarrista dei Mienmiuaif

Ha fatto scalpore la Preghiera di Camillo Langone sul Foglio, “Più Jo Croissant e meno femministe”. Langone, da esperto polemista, ha tratto da Il mistero della donna, oggetto del suo testo, le righe maggiormente in sintonia col suo stile: «La sottomissione della donna è redentrice; è con la mancata sottomissione che la donna ha trascinato l’umanità nell’infelicità». Chi volesse leggere il libro di Jo Croissant nella sua interezza, ne capirebbe senz’altro il senso all’interno del contesto. Chi volesse approfondire ulteriormente, la nostra amica Costanza Miriano ha scritto il suo geniale e spassosissimo Sposati e sii sottomessa sullo stesso argomento.

Subito mi colpisce che siano due donne, Jo Croissant e Costanza Miriano, a riprendere il termine utilizzato in origine da san Paolo, «sottomissione», e parlarne nelle proprie opere, non intendendo però nulla di sessuale (in realtà in campo sessuale la sottomissione è sdoganata, lì bisogna essere più “liberi” possibile), né di violento. Non ha nulla a che vedere con costrizioni o soprusi o mancanza di libertà, cosa facilmente intuibile conoscendo la vita delle due autrici, che non sono affatto donne “fallite” o relegate in una stanza, ma donne “di successo”, che scrivono libri e girano il mondo. La sottomissione a cui alludono non ha nulla di mortificante. Il Vangelo, inteso in maniera corretta, non toglie nulla. «Non abbiate paura di Cristo! Egli non toglie nulla, e dona tutto» (Benedetto XVI).

Un altro aspetto interessante, entrando nel vivo della questione, riguarda la Lettera agli Efesini, in cui san Paolo utilizza il termine “incriminato”. Sorpresa: non si parla solo di donne, anche agli uomini viene chiesto di essere sottomessi… L’apostolo premette al suo discorso rivolto ai coniugi la seguente frase: «Siate sottomessi gli uni agli altri nel timore di Cristo». Elemento sine qua non di tutto il discorso che Jo Croissant e Costanza Miriano stanno portando avanti con coraggio, è l’assoluta pari dignità fra uomo e donna. Uomo e donna, agli occhi di Dio, hanno lo stesso identico valore. Sono sacri entrambi. Ogni persona, per il Cristianesimo, è sacra e uguale a tutte le altre. Non ci sono persone di serie A e persone di serie B. Questo è fuori discussione.

Quello che san Paolo scrive, con un linguaggio legato al suo tempo, si riferisce ai diversi ruoli e modi in cui mariti e mogli devono interpretare la “sottomissione reciproca”, essendo diversi (per esempio le donne partecipano al miracolo dei miracoli, la nascita di una vita, in maniera ben più attiva). Ai mariti viene chiesto di amare la propria moglie come Cristo ha amato la Chiesa, di dare quindi la vita, tutto quello che hanno e possono (e non è poco…). Ma amare come Cristo, morto per noi, non significa uccidersi, così come essere sottomessi, in un’ottica cristiana, non significa diventare schiavi ciechi e succubi di un despota. Se la sottomissione del marito sta nel dare la vita per la propria moglie, nel fare tutto ciò che può per la sua santificazione, la sua felicità, la sua piena realizzazione, mettersi al suo servizio, insomma, la sottomissione della moglie sta innanzitutto nell’assumere un atteggiamento di fiducia nei confronti di un marito che cerca di dare tutto per lei, riconoscendogli un ruolo di guida, di responsabilità, nella coppia.

E si tratta di scelte libere: sia quella della moglie, di essere guidata dal marito, sia quella non meno difficile del marito, di assumersi responsabilità spesso difficili e di guidare la propria sposa nel migliore dei modi, di “morire” a sé stesso e vivere per lei. Di essere appunto come Cristo: quindi mite, umile, al servizio della moglie, non certo despota.

Non dico sia semplice, e proprio per questo Papa Francesco ha sottolineato spesso l’importanza di prepararsi bene al matrimonio: non è un gioco da ragazzi, sposarsi in Cristo. Serve Cristo. E serve tutta la buona volontà di cui si dispone. Ma, secondo me e secondo molti che ne hanno dato e ne danno testimonianza, è la scelta migliore e più felice.

Dal blog di Berica Editrice, editore della collana UOMOVIVO:

“Il mistero della donna” di Jo Croissant è già in ristampa.

Siamo infatti finiti dopo una settimana dall’uscita nella top 20 della classifica generale di Amazon, vicini a nomi altisonanti, un risultato inimmaginabile per una piccola realtà editoriale come la nostra, e questo ha avuto come felice conseguenza una quantità di ordini che ci ha travolti.

Tanta la soddisfazione e la meraviglia per i risultati che sta ottenendo il primo libro di un autore straniero nella collana UOMOVIVO (dopo altri successi oltre le aspettative come “Osservazioni di una mamma qualunque” di Paola Belletti e “Cento minuti sul Vangelo” di padre Maurizio Botta).

Grazie a tutti quelli che hanno collaborato alla realizzazione di questo piccolo gioiello di spiritualità cristiana che è “Il mistero della donna”, a partire da Costanza Miriano che ce ne ha suggerito la pubblicazione e ha scritto per l’occasione un bellissimo testo introduttivo (lo potete leggere nel suo blog a questo link), e a Giovanni Marcotullio che lo ha ritradotto con arte e sapienza.

E grazie a tutti i lettori che fin da subito hanno deciso di acquistarlo e ci stanno seguendo con curiosità e interesse!

Alcuni grazie spirituali da parte dei Mienmiuaif – Mia moglie ed io: alla Mamma, perché il libro è uscito nel giorno della Sua nascita (8 settembre, festa della Madonna di Monte Berico patrona di Vicenza), a san Giuseppe, perché la collana UOMOVIVO è sotto la sua protezione, a santa Teresina, perché lei c’è sempre, a san Leopoldo e san Giovanni della Croce, nostri santi protettori 2018, e a san Pio a cui stiamo facendo una novena!

A questo link trovate il nuovo video della cantante dei Mienmiuaif – Mia moglie ed io sul suo canale YouTube “Anita Dududu” (iscrivetevi!!!).

Anita intervista il marito Giuseppe… sull’ultimo libro uscito nella collana di cui è il curatore: “Il mistero della donna” di Jo Croissant, secondo la nostra amica Costanza Miriano (che ne ha suggerito la pubblicazione) “il libro più audace, rivoluzionario e coraggioso che abbia mai letto dopo il Vangelo”.

“Il mistero della donna” è disponibile nello shop online di Berica Editrice (se volete aiutare la piccola editoria) e nei principali store digitali, oltre che nelle librerie che desiderano ordinarlo.

Questo libro mi ha davvero cambiato la vita. È stato il libro che ha trasformato il mio sguardo su me stessa, su mio marito, sulla mia storia, sulle donne in generale.

Usa queste parole Costanza Miriano nella prefazione a “Il mistero della donna” di Jo Croissant, il primo libro di un autore straniero nella collana UOMOVIVO, finalmente riproposto in Italia in una nuova traduzione a opera di Giovanni Marcotullio dopo essere stato pubblicato negli anni 90 da Ancora.

“Il mistero della donna” uscirà ufficialmente l’8 settembre – poteva esserci data migliore? – ma è già prenotabile su Amazon.

Siamo così contenti!!! È un libro per noi importantissimo, Anita ne parlerà nei suoi video sul canale YouTube Anita Dududu e nel programma che condurremo su Radio fra le Note di don Roberto Fiscer. Lo porteremo in giro durante i nostri concerti. È un libro che riteniamo fondamentale per comprendere il ruolo della donna e la sua grandezza in un’epoca difficile come quella attuale. La donna è decisiva, oggi più che mai.

La donna è per natura assetata d’amore. Ha delle idee meravigliose sul matrimonio, sulle relazioni tra gli esseri, ed è completamente destabilizzata quando la realtà non corrisponde a quanto aveva immaginato. Ecco perché deve scoprire le sorgenti che Dio ha messo in lei. (Jo Croissant)

Ps: grazie infinite Costanza per averci proposto questo libro, grazie infinite Giovanni per l’ineccepibile traduzione, grazie infinite Emiliano per l’aiuto in fase di correzione!!!

Giuseppe + Anita = Mienmiuaif (Mia moglie ed io)