“Ordinarie follie” di Edoardo Dantonia

Domenica, a Messa, ho visto Dio. A chi questa affermazione potrà sembrare alquanto banale, devo dire che Egli era seduto tra le panche e indossava una giacca di colore beige. Devo anche dire che è vittima di una calvizie piuttosto avanzata. No, non sono impazzito. Non nel senso comune del verbo. Semplicemente ho preso sul serio quello che ai più può sembrare un errore liturgico. Dopo aver letto il Salmo, durante la liturgia della Parola, un ometto piccolo e secco, il quale avrà avuto almeno trent’anni ma non ne dimostrava più di venti, ha compiuto un evidente sbaglio: non si è inchinato di fronte all’altare prima di tornare al suo posto. Questa mancanza non mi ha stupito troppo, dal momento che nelle messe a cui partecipo ho visto inchini di ogni tipo: da mezze genuflessioni che paiono un colpo della strega a teste piegate che fanno sembrare l’inchino uno starnuto. Ciò che mi ha divertito e stupito allo stesso tempo è quel che è successo dopo, quando egli era ormai prossimo al suo posto a sedere. L’ometto, forse rendendosi conto della dimenticanza, ha infatti abbozzato un inchino, una specie di starnuto, appunto, con la testa. Il fatto particolare è che non si è girato verso l’altare, come avrebbe dovuto fare, ma è rimasto voltato nel verso in cui stava camminando. Curiosamente, e qui arrivo al punto della questione, sulla direttrice dell’inchino si trovava un grosso signore, la perfetta antitesi del piccolo uomo che gli stava mostrando quella reverenza. Di fronte a questa scena così comica, ammetto di aver sorriso, tra il divertito e il supponente. Ma, subito dopo, una di quelle intuizioni che mi colgono come un fulmine sul capo mi ha fornito un’immagine ben più comica e, soprattutto, realistica. Mi ha colpito cioè l’idea che quello dell’ometto non sia stato affatto uno sbaglio; almeno non uno sbaglio in tutto e per tutto. Non è un modo di dire che Dio si è fatto Uomo. Non si tratta di un’idea suggestiva o di un gioco di parole affascinante, ma bensì di una realtà concreta. Dio si è fatto Uomo nel senso che Dio si è fatto ogni Uomo. Cristo Gesù disse: “Tutto quello che avete fatto a uno di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”. Egli è in ognuno di noi nel senso che ha preso su di sé la carne di ognuno di noi. Quasi verrebbe da dire che se Dio ci ha creati a Sua immagine e somiglianza, ha poi creato Sé stesso a nostra immagine e somiglianza, come ripetendo la Creazione alla rovescia. Dante, arrivando al culmine del Paradiso, vede il Volto di Dio e dice: “Quella circulazion che sì concetta/ pareva in te come lume reflesso,/ da li occhi miei alquanto circunspetta,/ dentro da sé, del suo colore stesso,/ mi parve pinta de la nostra effige:/ per che ’l mio viso in lei tutto era messo”. Il Sommo vede cioè un volto umano (“la nostra effige”) nel Volto di Dio. Egli vede un uomo in Dio. Domenica io non ho visto il volto di quel grosso signore con la giacca beige, ma posso dire con assoluta certezza che, se lo avessi visto, avrei visto il Volto di Dio.

“Meteo di coppia” di Daniele Chierico

Oggi vorrei rispolverare un antico espediente letterario usato “qualche secolo fa” da un certo Agostino D’Ippona nel dialogo con Dio. Di seguito uno scambio di battute tra uno Storm Chaser esperto e uno Storm Chaser del terzo millennio.

Amore? Purezza? Credi realmente che possono andare insieme? Dante amava Beatrice di un Amore puro. Ma Dante era il sommo poeta, lui poteva. E poi, dai, era un’altra epoca. La passione si è per caso evoluta con la tecnologia? No, Dante era un uomo e come uomo aveva le stesse pulsioni, passioni e desideri di qualsiasi altro giovane della nostra età, eppure aveva scoperto un segreto… L’Amore puro! Casto mi vorrai dire? No, puro. Ma che significa questa purezza, questa è roba da santi, da esegeti. Noi siamo ragazzi del terzo millennio!

“Aspetta, frena il cavallo ragazzo”, direbbe il saggio Gandalf.

Ci viene in aiuto uno Storm Chaser esperto, Franco Nembrini: “Se strappo il fiore per possesso, lo uccido. Se lo rispetto e lo lascio lì, è mio per sempre”.

Se lo lascio lì non sarà mai mio, come posso staccare il possesso dall’Amore? Da cacciatore di tempeste esperto posso farti un esempio proprio che fa al caso nostro. Il desiderio ci spinge a cacciare le tempeste, a incontrarle, a fare l’amore con loro. Con una tempesta? Sì, sì, è un vero e proprio rapporto di amore… e come tutti gli amori ci regala gioie e dolori. Ma il segreto di questo amore è di non avvicinarsi mai troppo… Mi dici che posso desiderare una cosa ma non posso possederla, mi dici che la posso amare senza mai avvicinarmi, ma tutto questo non è possibile, anche voi cristiani fate l’amore con le vostre mogli, no? Allora anche il vostro non è Amore puro?

Ti spiego. Per ammirare una tempesta, una Supercella temporalesca, bisogna rimanere distanti diversi chilometri. È così grande, è così bella nella sua interezza che se provassi ad avvicinarmi troppo, finirei per vedere solo un cielo piatto e scuro, pioggia e forse la grandine distruttiva (e ti assicuro che quando sei sotto ti passa tutto il desiderio e la passione…). La propria dolce metà la si ama tanto più quanto la si rispetta. Se decidiamo di strappare una rosa quando non è ancora sbocciata, non potremo mai fare esperienza della sua fioritura, non potremo mai deliziarci della sua bellezza.

Il desiderio, la passione distinguono gli Storm Chaser esperti dai principianti. Quindi non condanni il desiderio e la passione? No, anzi, li esalto. Senza non saremmo uomini, saremmo vegetali. L’uomo che non desidera viene disprezzato da Dio stesso. L’Amore, il desiderio, la passione per il proprio coniuge non sono solamente cose giuste, ma le prime cose che contano. Sei tu, ragazzo del terzo millennio, che riduci il desiderio e la passione a puro istinto animalesco. La fretta dello Storm Chaser principiante lo spinge a finire sotto a una tempesta e raccogliere solamente i frutti peggiori. Se invece si rimane in attesa fino al momento giusto, se si riesce a rispettarla, poi si potrà assaporare in modo più intenso l’Amore e la passione per la propria dolce metà.

L’attesa è il sale, la spezia dell’Amore, accresce il suo sapore, rende puro il desiderio. Desiderala, conquistala, rispettala e attendendola amala… di “Amore puro”.