Buon Natale, Buone Feste o Buon Albero?

Lettere a una moglie #2 (ovvero l’esodo del duo con l’anello noto in tutto il mondo come Mienmiuaif) di Giuseppe Signorin

Speriamo di riuscire a registrare “Buon Natale, Buone Feste o Buon Albero?”, amore mio. Manca poco al grande giorno e il tempo stringe. Però è importante decidersi in fretta, gli auguri non è il caso di farli dopo il 25 dicembre. Dobbiamo registrarla assolutamente prima per contribuire in maniera decisiva a un dibattito che ha già visto i nostri amati Thegiornalisti sfornare una hit per Radio Deejay, “Happy Christmas John”, in cui dicono di non avere in mente un amore più grande della loro nonna che cucina alla tv. Anche se nel Vangelo c’è scritto che “Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici”, e io in tutta confidenza mi fido di più del Vangelo, per quanto la nonna dei Thegiornalisti non ho dubbi che sia una signora buonissima che cucina benissimo. I Thegiornalisti poi augurano un “Happy Christmas” sia a Yoko e John (Lennon) che a Andy e George (gli Wham!). Politicamente correttissimi. E parlano di tirare la neve e abbracciarsi ancora, di esprimere desideri e tante altre cose carinissime. Io spero sia una presa per i fondelli. Dimenticarsi del protagonista del Natale, Colui che nasce, per una cosa così mielosa, sarebbe ancora più insopportabile. Ma per fortuna Facebook ci invita a diffondere lo spirito delle feste. Dopo l’arte per l’arte, le feste per le feste. Che cosa festeggi? Le feste. Festeggiare le feste. Geniale. Da queste premesse la tentazione di festeggiare l’albero, che appare nella coda della canzone ancora inedita dei Mienmiuaif. Augurare “Buon Albero” non dovrebbe offendere nessuno. Grazie a Dio qualche giorno fa ha sbottato in maniera ineccepibile il filosofo ateo Massimo Cacciari. Se l’è presa prima di tutto con i cristiani, la cui indifferenza ha lasciato morire il Natale. “Un simbolo che ha dato un contributo straordinario alla nostra storia, alla nostra civiltà, alla nostra sensibilità”, ha detto. “Capisce? Non Dio che stabilisce una relazione con gli uomini, ma Dio che viene sulla terra attraverso Cristo. Vertiginoso”. Ci voleva un ateo. Noi non siamo nemmeno più capaci di stupirci. Un Dio che si fa bambino. Wow. E l’abbiamo ridotto a una favoletta. Tiepidi. Gesù, se siamo tiepidi. Ci meritiamo tutto questo, e peggio. Ma Tu nasci lo stesso. Dio nasce lo stesso, amore mio. Noi continuiamo a farlo fuori, magari senza accorgercene, senza sapere quello che facciamo, ma Dio nasce lo stesso. Non ha trovato posto 2000 anni fa e non trova posto oggi. Lui nasce lo stesso. Anche se è meglio non parlarne. Nelle pubblicità. Nei bigliettini di auguri. È meglio non parlarne ma Dio nasce lo stesso. Meno male, amore mio. Che Dio ci riscaldi il cuore così forte che possiamo augurare un sincero Buon Natale anche ai nostri amici Thegiornalisti e a tutto lo staff di Radio Deejay. Happy Christmas Thegiornalisti. Happy Christmas Radio Deejay. Ti amo.

 

Se vi sentite particolarmente buoni e volete dare una mano ai Mienmiuaif, cliccate qui 😎

Posted In:

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...