Adamo ed Eva secondo Paolo Pugni, l’autore di “Shampoo”

Condividiamo un capitolo del libro più igienico dell’anno, “Shampoo. Non è un problema di forfora, ma di pace coniugale” di Paolo Pugni, ultima uscita della collana che i Mienmiuaif “curano” (pur essendo ovviamente loro da curare) per Berica Editrice, “UOMOVIVO”.

DONNE E MOTORI

Che le donne siano il vero motore della vita e siano superiori agli uomini lo chiarisce fin dall’inizio anche la Bibbia.

Perché la storia del peccato originale mica è lì per parlare male delle donne. Tutt’altro! Anzi, mostra l’estrema fragilità degli uomini. Che prima non sono accanto alla loro donna quando c’è bisogno, e poi, nel momento della responsabilità, non sanno che fuggire di nuovo, questa volta nella vigliaccheria.

Che cosa replica Adamo a Dio quando gli chiede di rispondere della trasgressione? È stata LEI, quella che TU mi hai messo accanto. Come a dire: vedetevela voi, io che c’entro?

E questo spazza via ogni dubbio su chi sia più debole.

Ma c’è di più. Perché si tratta di capire chi conti maggiormente. Senza dubbio la donna. È a lei, infatti, che il diavolo si rivolge, astuto com’è. Perché a parti invertite non avrebbe funzionato.

Immaginatevi la scena.

In qualche modo il serpente inganna Adamo e gli rifila la mela. Lui bello tronfio se ne va da Eva (sicuramente in mille faccende affaccendata, senza tempo da perdere in giro per il giardino) e le dice: “Guarda qua che cos’ho!”.

Lei gli rivolge un breve sguardo ironico, mentre continua a occuparsi di fiori e piante.

“Che cosa c’è Adamo?”, gli chiede dopo un attimo, un po’ scocciata.

“Un frutto!”, esclama lui altezzoso.

“Ma non è quello che ti avevo chiesto!”, replica lei. “Ero stata molto precisa, ti avevo dato tutte le indicazioni. Nel terzo filare, la seconda pianta, il ramo più in basso”.

“Si, ma…”.

“Ma un corno! Non fai mai quello che ti chiedo!”, esplode lei con le mani sui fianchi. “E sì che avevi anche preso appunti. Dove hai messo la lista?”.

“Ma io pensavo…”.

“Ecco il problema!”.

“E poi lui mi ha detto…”.

“Lui chi? Ti sei fermato ancora al bar? Mi avevi promesso! E poi vorresti dire che quello che ti raccontano conta più di quello che ti chiedo io?”.

“Ma no, Eva, ci mancherebbe. È che lui… il bene e il male… essere come Dio…”.

“Adamo, ancora con questa storia! Ma come te lo devo dire di lasciar perdere questi discorsi senza concretezza! Il bene, il male, la teologia! Con tutto quello che abbiamo da fare! Sempre lì a correre dietro ai sogni!”.

“E adesso?”.

“Adesso lascia lì quella roba e vieni a darmi una mano, dai”.

A quel punto, cosa credete che avrebbe fatto Adamo? Avrebbe buttato via il frutto e si sarebbe messo al lavoro, dimenticandosi in breve tempo dove l’aveva lasciato…

E noi saremmo tutti ancora nel giardino dell’Eden.

 

 

“Shampoo” è disponibile anche su Amazon e sugli altri principali shop digitali, oppure potete ordinarlo in libreria. Acquistandolo ci date una mano nel nostro progetto .

Annunci

Posted In:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...