I miracoli esistono e noi abbiamo le prove

Condividiamo il meraviglioso post che l’amica Raffaella Frullone ha pubblicato sul suo profilo Facebook

Doveva essere ucciso ieri, invece Charlie è ancora tra noi. I medici hanno dato un “extra time”. Non sappiamo quanto, ma sappiamo che è un tempo di di grazia. E sappiamo che vedremo dei miracoli perché in queste settimane, giorni, ore, ne abbiamo visti parecchi. E non si tratta solo della clamorosa e inaspettata decisione di non procedere con l’esecuzione nel giorno fissato. Per molte persone questo bambino non è nulla: “Cosa dobbiamo tenere in vita?”, mi chiedeva una ragazza fresca di laurea in medicina. Sì, ha detto “cosa”. In effetti il mondo pensa così. Tra i tanti Selvaggia Lucarelli scriveva ieri che: “a sette mesi i bambini cominciano a sorridere, mangiano le prime pappine, gattonano, hanno il loro giochino preferito. Charlie non era nulla di tutto questo”. A parte che Charlie non “era”, ma “é”. Però in effetti è così: Charlie non sorride, non gattona, non mangia le prime pappe, Charlie semplicemente sta. Eppure semplicemente stando, semplicemente esistendo ha scatenato di tutto. Guardiamo solo all’Italia. Moltissime persone si sono date appuntamento nelle chiese, nelle piazze e nelle strade con veglie e fiaccolate, molti si sono mobilitati fuori dalle ambasciate inglesi, c’è chi ha scritto al Presidente della Repubblica portando migliaia di firme e chiedendo per Charlie la cittadinanza italiana, chi si è rivolto a Papa Francesco con un appello che ha raccolto adesioni da tutto il mondo,c’è chi ha mandato fiumi di mail all’ospedale in cui è in cura, chi ha scritto alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, chi si è rivolto a Theresa May, alla Santa Sede, a Trump, a Putin, e chi più ne ha più ne metta. Migliaia di persone in tutta Europa e anche oltre stanno cercando di abbattere la coltre di silenzio mediatica su questo caso cercando di far conoscere la sua vicenda e scrivono, raccontano, spiegano. In moltissimi soprattutto, hanno alzato gli occhi e il cuore a Dio e stanno pregando incessantemente chiedendo per intercessione di Maria che Charlie non venga ucciso, parecchi digiunano e offrono sacrifici. Il tutto per un bambino di sette mesi che non sorride, non gattona, non mangia le prime pappe e per di più è un emerito sconosciuto figlio di emeriti sconosciuti che per giunta vivono in un altro paese. Quanti altri bambini di sette mesi fanno questo? Non sono forse miracoli questi? Charlie semplicemente sta. Attaccato alla croce, sta. Con una sentenza di morte che pende sul suo capo, sta. Le uniche due cose che sappiamo con certezza della sua condizione è che soffre e che è immensamente amato. Queste due cose bastano per renderlo capace di muovere il mondo. I miracoli esistono e noi abbiamo le prove. Non smettiamo di chiedere a Dio che fermi la mano di coloro che lo vogliono far morire e faccia il miracolo ancor più grande di convertire i loro – e i nostri – cuori.

Ps: il giochino preferito lo ha.

Annunci

3 Comments

Add yours →

  1. Splendido messaggio. I gravi disagi dii Charlie e l’amore dei genitori hanno interpellato moltissimi.
    Prima c’è il diritto naturale (che include il diritto alla vita e il diritto di esercitare la patria potestà da parte dei genitori sui minori indifesi) e poi il diritto umano positivo!

    Mi piace

  2. Il pensiero dell’uomo è come una potente luce che splende nel buio più profondo di ogni essere umano. Evidenzia le intenzione del bene e spesse volte purtroppo quello del male. Rimettiamo tutto nelle mani di Dio; Giudice Supremo di ogni forma di pensiero.

    Mi piace

  3. Molto bello e molto vero!
    Tutto è nelle mani di Nostro Signore,noi dobbiamo fare tutto quanto è nelle nostre possibilità per sostenere lui e i suoi genitori in questo cammino di Croce verso la Risurrezone, senza la pretesa di sapere noi cosa è più giusto fare o non fare;almeno x me è così!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: