Tipi loschi #3: il tipo losco per eccellenza

“Ordinarie follie” di Edoardo Dantonia

Altro morto altro regalo. So che una frase del genere potrà turbare qualcuno, ma io penso che la morte sia da prendere alla leggera; non perché sia una cosa pesante da alleggerire per meglio digerirla, ma perché è veramente una cosa leggera. In fondo, per chi crede con la morte si vola in Cielo, e per volare bisogna essere assai leggeri. Uno che prendeva la morte piuttosto alla leggera era il mio amico Pier Giorgio, uno dei tipi loschi di cui ho preso a parlare uno sciagurato giorno di giugno. Anzi, Beato Pier Giorgio Frassati è il tipo losco per eccellenza, dal momento che fu lui a coniare questa espressione, in compagnia di altre brutte persone al suo pari, quando creò la Società dei Tipi Loschi, un gruppo dedito a misfatti impronunciabili quali la preghiera e l’allegria. “Cittadini” e “cittadine”, “lestofanti” e “lestofantesche” erano i membri di tale associazione a delinquere. Avevano persino dei soprannomi loschi, come “Robespierre” (alias Pier Giorgio), “Perrault”, “Petronio”, “Cadorna” e tanti altri. Se vi fossero dubbi sulle male intenzioni di questi giovani birbanti, basterà leggere le parole di Robespierre alias Pier Giorgio vergate su una lettera alla segretaria della Società, in una sorta di dichiarazione d’intenti: “[…] Rimane però un legame che speriamo con la Grazia di Dio leghi su questa terra e sull’altra tutti i Tipi Loschi: questo sacro vincolo è la Fede, unico potente vincolo, unica base sicura, senza di essa nulla si può intraprendere. E questa Fede che abbiamo ricevuto nel S.Battesimo e che ci ha fatto compagni di belle gite alpine speriamo ci accompagnerà fino all’ultimo giorno del nostro viaggio terreno e serva come legame per mezzo della preghiera a cementare spiritualmente tutti i Tipi Loschi sparsi per l’orbe terreno”. Fede, battesimo, preghiera: quali orrori! Quali pratiche antiche e vetuste! Solamente un animo corrotto potrebbe mai dedicarsi a bassezze di questo tipo. Ma la cosa più sconvolgente e raccapricciante fu un’altra di quelle che la Chiesa chiama “virtù”, e cioè la Carità. La Carità è una cosa sporca, sporchissima perché costringe ad andare oltre la semplice donazione, il semplice assegno firmato e spedito all’altro capo del mondo. La Carità esige il contatto diretto, richiede tempo, energie, impegno. Ecco, Pier Giorgio, da buon tipo losco, ovviamente primeggiò in tale oscura attività. “Amico dei poveri” veniva chiamato da alcuni, mentre altri ebbero a dire di lui: “Non si perdeva in particolari organizzativi, non stava a pensare quando e come sarebbe stato meglio dare la sua attività, ma la dava sempre, chiamato e non chiamato, senza ostentazione, ma anche senza falsa umiltà; dava quell’aiuto completo che sa dare una persona dotata, sicura, capace”. Regalava cappotti a chi non ne aveva in inverno, si infilava nelle soffitte più remote e fredde, donava fino all’ultimo centesimo a chi lo chiedeva: queste e altre losche attività resero il Frassati un modello per chi volesse abbracciare veramente questa virtù. Ma la cosa veramente scandalosa è l’assoluta gratuità con cui fece tutto ciò. Non si trattò di un sacrificio, nonostante tutti usino questo termine per parlare della sua Carità: il sacrificio presuppone infatti un ritorno di qualche genere, schema totalmente estraneo al beato. I pagani sacrificavano agli dèi per ricevere qualcosa in cambio, dei favori; le divinità pre-cristiane rientravano in una logica di do ut des, dare per avere. Ma Pier Giorgio non era pagano, bensì cattolico, e per questo sapeva che a sacrificarsi ci aveva già pensato Qualcun altro, un tizio con la barba vissuto un paio di millenni prima: a lui era semplicemente richiesto di rispondere ad una chiamata, aderire ad una missione. Pier Giorgio fu un tipo losco perché non si sacrificò, alla maniera moderna, ma bensì si donò, si diede letteralmente agli altri. Pier Giorgio è mio amico perché io desidero tanto essere come lui, donarmi come lui, essere santo come lo è lui. Amo Pier Giorgio perché la sua giovinezza e la sua semplicità mi permettono di ricordarmi che non è impossibile conformarsi ai dettami del Cristo, non è impensabile riuscire a seguire la via della santità, nonostante sia tutta in salita. Pier Giorgio morì all’età di ventiquattro anni, l’età che ho io ora mentre scrivo, senza un lamento o una parola di male verso alcuno, ma anzi volgendo fino all’ultimo il pensiero a coloro i quali beneficiarono maggiormente della sua Carità: i poveri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...