Piange bene chi piange ultimo

“Pompelmo Rosa Stories” di Giuseppe Signorin

A Pompelmo Rosa piace piangere. Se può, piange. È cintura nera in queste cose. Ma è anche molto generosa e vorrebbe condividere questa sua gioia con più persone possibili. A partire dal fico di Pompelmo Fico, com’è ovvio. Anche se al fico di Pompelmo Fico, essendo appunto un fico, non piace proprio piangere. Tanto meno in presenza di una donna.

Da qualche tempo, però, la passione di piangere di Pompelmo Rosa ha valicato la sfera privata ed è diventata un vero e proprio business. Dopo il primo inaspettato successo del copri porta kleenex marroncino a pois bianchi, Pompelmo Rosa si è infatti decisa a investire tutto il suo tempo e le sue energie in questa direzione. Perché anche le passioni più sfrenate è meglio viverle con stile.

Si è comprata pure uno ‘scucino’, un aggeggio che le permette di rimediare ad alcuni errori che ancora ogni tanto fa.

Ma il fico di Pompelmo Fico non ci sta.

Un bel giorno, mentre dà l’acqua alle piantine di basilico del suo orticello indoor, decide di fare qualcosa. Si ferma, appoggia l’innaffiatore per terra e va verso la camera da letto. Si avvicina al comodino di Pompelmo Rosa e prende in mano il santino di santa Teresina di Lisieux.

“Santa Teresina, ci sei?”

“Dimmi, Pompelmo Fico”

“Possibile che quell’altra se ne stia giorno e notte a lavorare, adesso?”

“‘Quell’altra’ chi?”

“Dai, hai capito benissimo…”

“‘Quell’altra’ non mi pare il modo di riferirsi alla propria metà. Lo sai che siete una cosa sola, no?”

“Lo so, santa Teresina… Ma non puoi fare qualcosa per la mia metà?”

“Per la tua metà o per te?”

“Certo che voi donne…”

“Ok, ho capito, Pompelmo Fico…”

“Bene”

“Prova a dire questo, ogni tanto, vedrai che ti farà bene: ‘Mio Dio, ti ringrazio di tutti i doni che mi hai elargito, in particolare di avermi fatto passare attraverso il crogiolo della sofferenza’”

“Cosa??? Fammi capire, santa Teresina, mia moglie da un giorno all’altro si mette a cucire ininterrottamente copri porta kleenex, si compra pure uno ‘scucino’, e tu mi consigli di ringraziare il Signore di ogni sofferenza???”

“Sì, Pompelmo Fico. Ora vai in pace”

Pompelmo Fico riappoggia il santino di santa Teresina di Lisieux sul comodino di Pompelmo Rosa. Poi rimane immobile. Non riesce a muoversi. Iniziano a scendergli delle gocce d’acqua dagli occhi. Nonostante sia un fico, sembrano quasi delle lacrime.

E si sente meglio. In pace.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...