La “teoria del genero”

“Pompelmo Rosa Stories” di Giuseppe Signorin

Se qualcuno vi sta parlando, sentire le voci non è sintomo di pazzia. Eppure quando Pompelmo Rosa rimane più di qualche minuto ad ascoltare il suo papà, gli pare sempre di uscire un po’ di testa.

L’ultima creatura sfornata dal cervello del suo papà è la “teoria del genero”. O almeno così l’ha chiamata Pompelmo Rosa, perché il suo papà, pur avendogliela esposta, nega decisamente l’esistenza di tale teoria.

Pompelmo Rosa ama moltissimo la sua famiglia. Sia quella di origine che quella da poco composta con il fico di Pompelmo Fico. In generale ama moltissimo l’idea di famiglia. Anche se la famiglia, a dire il vero, non è un’idea. La famiglia viene prima di qualsiasi idea. Non è qualcosa che si pensa e non è neppure qualcosa che si sceglie.

Pompelmo Rosa ama moltissimo questa cosa, che in famiglia la maggior parte delle cose importanti non si scelgono: la mamma, il papà, i fratelli (qualcuno potrebbe mai scegliersi un fratello come l’Uomo che non si ricorda mai dove ha parcheggiato, di cui abbiamo parlato qualche episodio fa?), i nonni, il colore della pelle, il paese in cui si nasce, la casa in cui si cresce, il sesso, il timbro di voce, il vaccino, la religione, l’asilo, la marca di pannolini, la lingua madre, l’altezza, etc.

Pompelmo Rosa ama moltissimo tutta questa faccenda. Al suo papà invece fa imbestialire. Lui odia che qualcun altro scelga al posto suo. Le cose stanno come dice lui, e basta.

Per esempio si è convinto che il fico di Pompelmo Fico non sia il suo genero. Tecnicamente, sì, Pompelmo Fico è il suo genero, questo è fuor di dubbio. Ma lui non lo sente come tale. Per il papà di Pompelmo Rosa, Pompelmo Rosa è il suo genero. Pompelmo Rosa è sia la figlia che il genero. Per lui le cose stanno così, sente questa cosa qui, che Pompelmo Rosa è sia la figlia che il genero, e per lui quello che sente è più vero di quello che è.

Allora Pompelmo Rosa ha iniziato a dire in giro che il suo papà si è inventato questa “teoria del genero”. Ma lui nega. Non esiste nessuna “teoria del genero”, le cose stanno così come ha detto lui, e cioè che il genero è colui che si percepisce come tale e non colui che è tale. Ma non c’è nessuna “teoria del genero”.

In ogni caso, anche se a volte non sono proprio facili i rapporti famigliari, Pompelmo Rosa continua ad amare moltissimo la sua famiglia, sia quella di origine che quella da poco composta con il fico di Pompelmo Fico, per qualcuno formata addirittura da due generi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: