Attenti a quel Bus

“Meteo di coppia” di Daniele Chierico

Se la vita non desse “suggerimenti” e noi non credessimo in essi, saremmo come ciechi in cerca di uscita in una stanza buia e zeppa di trappole. Perché, la vita dà suggerimenti? E chi di grazia è il suggeritore? Favole per bambini…

Il nostro Storm Chaser principiante ha ancora il radar spento. Alla prima trappola in cui incapperà dirà che può accadere, alla seconda/terza sarà stato il caso… Il Caso? Cos’è il caso? Alla quarta/quinta dirà che è la sfortuna. La sfortuna? E chi è questa dea bendata? Poi a furia di farsi male inizierà a pensare se non sia il caso di chiedere suggerimenti… Ora ci siamo! Il nostro cieco ha riacquistato la vista, ha capito che ci sono trappole in giro per la stanza. Sai che bel guadagno! Qui è così buio che non vedo al di là del mio naso…

Ma nella stanza piccoli oggetti si illuminano. Avete presente quando l’autore di un giallo ci vuole indicare un elemento determinante della storia, tra le righe del suo romanzo? I suggerimenti sono qualcosa di simile, non ti illuminano la stanza, non ti fanno vedere tutto quello che c’è, né tutte le trappole presenti, ma ti indicano la strada da seguire. Con molti dubbi ci accostiamo all’oggetto, cerchiamo di capire a cosa potrà servire, probabilmente quel suggerimento lo useremo molto più avanti nella storia… Abbiamo riacquistato un po’ di vista ma siamo ancora delle talpe, non vediamo molto oltre… Non temete: come in tutti i romanzi gialli, i suggerimenti saranno serviti a farci arrivare alla fine della storia e a scoprire l’assassino.

Ma se c’è un suggeritore, un autore della nostra vita, perché usare questa tattica?

Proprio come nei migliori gialli, se intuissi l’assassino prima del tempo, perché dovrei continuare a leggere il romanzo? L’altro giorno mi è accaduta una vicenda alquanto rocambolesca. Ero in “missione” a Roma, dopo una notte in viaggio. Fermata del bus, 5 minuti e il tabellone mi suggerisce simpaticamente che la corsa è stata annullata: la prossima tra 1 ora e 30 minuti. Appuntamento saltato!

1° Suggerimento: cercare un bus che mi porti a un paese vicino e poi da li prendere un’altra navetta. Incastro miracolosamente gli orari. Situazione risolta! In 10 minuti sono in viaggio. Arrivato alla prima tappa del percorso, chiedo informazioni su dove sia la fermata della navetta: cinque persone interrogate e cinque versioni diverse. Da un momento all’altro mi aspetto un bel cartello: SEI SU SCHERZI A PARTE.

Decido di chiamare la segreteria della navetta.

15 minuti di un’allegra canzoncina…

Continuo a girarmi nervosamente per trovare il cartello, poi comprendo che sono un povero mortale: è roba da Vip!

Finalmente una dolce voce mi risponde: “Signore, per gli orari deve rivolgersi al centralino”

10 minuti di canzoncina…

Centralino: “Signore, la navetta è stata eliminata”

Eliminata? Una voce fredda e annoiata, dopo 25 minuti di piacevole canzoncina, mi dice che sono lì, nel mezzo del nulla ad aspettare il nulla. Inizio a pensare che “Saw l’enigmista” sia l’autore di tutto ciò.

2° Suggerimento: trovare un altro bus che mi porti ancora più vicino al mio obiettivo, poi da lì taxi e storia finita! Trovato miracolosamente. 10 minuti e in viaggio per la mia seconda tappa.

Arrivato a destinazione chiamo il taxi, la linea non va! Ok, no no, ora prende! Occupato… Attendo! Canzoncina… Attendo! Squilla… Non risponde nessuno!

Uno sguardo ai bagagli. Due chilometri di distanza. Una salita davanti. 20 minuti all’appuntamento. Zero possibilità di riuscita. Che cosa aspetto?

Com’è finita? Arrivato all’appuntamento in perfetto orario… e ho anche atteso per l’incontro.

Che cosa volevo dirvi? Nella vita di coppia siamo delle talpe, non vediamo quello che c’è dopo, non vediamo gli ostacoli e le prove, l’altro non lo conosceremo neanche dopo una vita passata insieme. Ma sulla strada ci arriveranno preziosi suggerimenti affinché ad ogni passo fatto insieme l’amore acquisti concretezza. Parafrasando Lewis: “Litigate, spiegatevi, burlatevi, perdonatevi. Perché questo è uno dei miracoli dell’amore: che esso dà a entrambi la capacità di vedere al di la dei suoi incantamenti, ma senza che l’incanto iniziale scompaia.”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...