¡Feliz cumpleaños!

“Lettere a una moglie” di Giuseppe Signorin

12 maggio 2015, ore 9 e 17, amore mio. Mi arriva una tua e-mail all’indirizzo di lavoro. “Tutti noi di Camper dill’ isola di Maoirca, Spagna, ti auguriamo buon compleanno! Volevamo festeggiare insieme a te ma siccome le torte non sono fatte per viaggiare, abbiamo pensato che avresti preferito un regalo fatto col cuore: SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA E SCONTO DI 10% SUL TUO PROSSIMO ORDINE A CAMPER.COM* Speriamo che sia di tuo gradimento e ti auguriamo una splendida giornata!”. Errori di grammatica e ortografia a parte (la cosa meno grave di tutta la faccenda), il martire di tuo marito c’aveva messo un piede sopra, su questo psicodramma coniugale delle Camper.  Non era sua intenzione scrivere un libricino sul tema nemmeno prima, anche se questo secondo anno di lettere è nato proprio come vendetta per un fatto che ha riguardato le tue innominabili ma ormai fin troppo nominate scarpe – quel modello particolare, poi, mica tutte le Camper, anche se si potrebbe pensare il contrario e leggere il mio fastidio sotto forma di sineddoche. Invece tu… Ma proprio nel giorno del tuo compleanno? Un quarto di secolo per arrivare a girare un’e-mail del genere al sant’uomo di tuo marito?  Qualcosa dev’essermi sfuggito. Non capisco. Ascolto un po’ i Beach Boys, almeno per togliermi di mente la forma alpina delle tue xxx a favore di infradito e ciabattine da spiaggia di vario tipo. Immagino noi due in riva al mare, tu con chili di protezione solare ipocondriaca nonostante la pelle olivastra, io con la tuta da sci per prevenire l’eritema. Poi sabbia, iodio, chitarrina classica e voce.  Dopo il tour megagalattico inaugurato domenica a Padova nel salottino dei giovanissimi coniugi Martinucci, che ci porterà nei salottini delle migliori famiglie italiane, come Mienmiuaif potremmo pensare a questa nuova soluzione, in futuro: concertini in riva al mare. Lì le tue xxx non dovrebbero riuscire ad arrivare.  Nemmeno le tue e-mail. Che Dio benedica i Beach Boys e la loro capacità di catapultarmi distante da realtà difficili come quella che stavo vivendo e soprattutto benedica i tuoi 25 anni, di cui ormai quattro (quattro, no? mese più mese meno…) vissuti con la fortuna di avere nei paraggi un esperto di moda e calzature come il tuo attuale marito. Ti amo.

Annunci

Posted In:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...